menu
L’USO DEL CORRETTORE: ALTERAZIONI CROMATICHE CUTANEE
30.01.2018
discromie

Per discromie si intendono tutti quei problemi in cui l’uniformità del tono della pelle è compromessa da fattori di natura diversa.

COUPEROSE

E’ un inestetismo causato dalla dilatazione o dall’interruzione dei capillari che, affiorando in superficie (generalmente si localizza sulla zona zigomatica e sul naso), provocano delle macchie di colore violaceo più o meno intenso.

Solitamente la discromia viene annullata utilizzando dei colori come il verde e il celeste, proprio per un processo di mutamento cromatico.

Teoricamente il concetto è perfetto, peccato che ogni caso è differente da un altro, e di conseguenza anche il colore del prodotto deve variare, quindi il famoso correttore verde non può soddisfare tutte le esigenze; inoltre può diventare difficoltoso da usare, proprio per la sua particolare tonalità.

Optate per dei correttori colati o in stick, dal tono che può variare dall’avorio all’aranciato.

L’applicazione, in tutti e due i casi, è estremamente semplice; è sufficiente stendere e sfumare il prodotto scelto nella zona interessata in modo che dopo l’applicazione del fondotinta non risultino eccessivi contrasti.

SCOPRI I CORRETTORI DI FRAIS MONDE

 

discromie

Per discromie si intendono tutti quei problemi in cui l’uniformità del tono della pelle è compromessa da fattori di natura diversa.

COUPEROSE

E’ un inestetismo causato dalla dilatazione o dall’interruzione dei capillari che, affiorando in superficie (generalmente si localizza sulla zona zigomatica e sul naso), provocano delle macchie di colore violaceo più o meno intenso.

Solitamente la discromia viene annullata utilizzando dei colori come il verde e il celeste, proprio per un processo di mutamento cromatico.

Teoricamente il concetto è perfetto, peccato che ogni caso è differente da un altro, e di conseguenza anche il colore del prodotto deve variare, quindi il famoso correttore verde non può soddisfare tutte le esigenze; inoltre può diventare difficoltoso da usare, proprio per la sua particolare tonalità.

Optate per dei correttori colati o in stick, dal tono che può variare dall’avorio all’aranciato.

L’applicazione, in tutti e due i casi, è estremamente semplice; è sufficiente stendere e sfumare il prodotto scelto nella zona interessata in modo che dopo l’applicazione del fondotinta non risultino eccessivi contrasti.

SCOPRI I CORRETTORI DI FRAIS MONDE

 

ALTRI ARTICOLI
LE FORME DEL VISO E LE CORREZIONI: IL VISO TONDO
30.01.2018
CARATTERISTICHE Le caratteristiche dominanti che determinano la sua forma sono: guance tondeggianti, mancanza di lunghezza e osso zigomatico poco visibile. OMBREGGIATURA La prima cosa da effettuare è scurire i laterali del viso, bisogna evitare accuratamente di ombreggiare la zona...
L'USO DEL FONDOTINTA
30.01.2018
Probabilmente fra i cosmetici decorativi è il più antico, infatti già Ovidio (43 a.C. – 18 d.C.) ne parla nel trattato “I medicamenti del volto”, decantandone il suo utilizzo. Non solo nell’antica Roma, ma anche in Egitto si praticava questo costume. Sempre si è cercato di rendere...
LA CIPRIA: LE SUE FUNZIONI
30.01.2018
L’applicazione della cipria è la fase successiva alla stesura del fondotinta; essa ha tre funzioni fondamentali. La prima è quella di fissare il trucco e fare in modo che essa “tenga” più a lungo, senza alterare il colore del fondo. Il secondo scopo è quello di creare una base...