menu
GLI OMBRETTI
08.01.2018
OMBRETTO-600

Gli ombretti sono fra i prodotti indispensabili per il trucco degli occhi: essi danno colore, luminosità, intensità e tridimensionalità. Si possono usare in modo leggero per ottenere un effetto soft, o netto per un effetto drammatico; inoltre con essi si possono ideare trucchi più o meno sofisticati, oppure creare effetti luminosi e brillanti da abbinare con l’abbronzatura.

La formulazione classica degli ombretti è quella in polvere compatta. Hanno pigmenti incredibilmente micronizzati e caratteristiche di impalpabilità talmente raffinate da permettere una perfetta sfumatura e un’aderenza assoluta.

Gli ombretti , sia opachi che perlati, non devono mai mancare nel beauty-case. Ognuno di essi ha un suo preciso scopo: quelli “shining” danno più luminosità, a differenza di quelli “mat” che tendono a smorzare le superfici e i toni. Essi, se adoperati insieme alle matite, producono un effetto più intenso, oltre a fissarsi meglio sulla palpebra; se usati da soli creano un effetto più “morbido”.

Alla formulazione di base degli ombretti, si possono aggiungere delle perle o satinature che danno particolari effetti al trucco; il linea di massima si possono dividere  in perle dorate e perle argentate. Le prime hanno lo scopo di scaldare maggiormente il colore di base, mentre le altre a dare particolari toni freddi.

Tenendo conto delle due caratteristiche, risulta ovvio che tutti i colori  possono variare in considerazione delle diverse aggiunte di perle; il loro scopo è quello di permettere una maggiore combinazione di colori e di far risaltare alcuni toni dell’iride.

Infatti la pagliuzze dorate daranno la sensazione che gli occhi marroni chiari siano più chiari virandoli al nocciola, e così via.

Ogni gamma di colore scelto dovrebbe avere almeno due toni, comprendenti un colore chiaro per evidenziare e schiarire ed un colore più scuro per contornare e dare la dominante del tono.

I colori neutri (chiari) sono: crema , perla, avorio, rosa pallido,oro chiaro, e argento tenue. Tutti questi toni si accordano bene con la maggior parte dei colori di base, illuminando la superficie su cui vengono applicati.

I colori neutri (scuri) sono: nero, marrone scuro e grigio fumo; essi si combinano bene con la maggior parte dei colori base e con i neutri già citati.

Provate a eseguire dei trucchi solo con le polveri, usandone una chiara sull’arcata sopraccigliare e sulla palpebra mobile, e una più scura per contornare le linea dell’occhio; potrete applicare lo stesso colore chiaro anche lungo il contorno delle ciglia inferiori per dare maggiore luminosità. Successivamente prendete un pennello e applicate un tono scuro anche nella piega palpebrale e sfumate il tutto: vedrete che il risultato sarà un tocco estremamente trasparente e allo stesso tempo correttivo.

Gli ombretti, quando vengono stesi sulla palpebra, tendono sempre a far cadere quella minima quantità che può pregiudicare la pulizia della zona sottostante; a questo proposito sarà opportuno applicare un velo di cipria sotto l’occhio in modo da poter spazzolare successivamente l’eccesso di cipria e di pigmento che si sono depositati.

Se dovete usare dei toni molto scuri, truccate gli occhi prima della base, in modo da poter eliminare, con un batuffolo di cotone, l’eccesso che ha sporcato la parte inferiore dell’occhio; poi applicate il fondotinta regolarmente, e definite meglio gli occhi.

OSSERVAZIONI CONCLUSIVE

Ricordate che gli ombretti non vanno lavorati molto, anche perché si rischia di creare delle macchie difficili da eliminare.

Applicate il colore un poco per volta, sfumate e poi, se ritenete necessario intensificarlo, aggiungetene ancora.

Utilizzare troppo colore e sfumarlo poco sono gli errori più comuni: applicate un colore per volta e al massimo tre tonalità, sfumandole perfettamente onde evitare stacchi netti.

Terminata l’operazione degli ombretti, passate sulla palpebra un pennello pulito in modo da fissare il trucco e amalgamare meglio i colori.

Gli ombretti si prestano ad infinite possibilità d’applicazione. Essi infatti possono essere usati anche per colorare labbra, ottenendo dei colori estremamente opachi o perlati; oppure si possono miscelare con la pasta dei rossetti per ottenere nuove tonalità, o addirittura essere amalgamati con gli smalti per variare il tono da applicare sulle unghie.

Infine, vorrei ricordare ancora una volta che i colori chiari e perlati provocano un effetto sporgenza, mentre quelli opachi tendono ad appiattire le superfici su cui vengono applicati.

Come scegliere il colore giusto?

Non ci sono regole fisse nella scelta dei colori. E’ però opportuno tener conto che per gli occhi chiari è preferibile utilizzare dei toni  decisamente scuri, e per gli occhi scuri evitate i toni freddi.

Quando lo applicate, la polvere dell’ombretto tende a cadere nella parte inferiore dell’occhio, “sporcando” il fondotinta?

Prima di applicare l’ombretto, stendete un velo di cipria in polvere trasparente sotto gli occhi, avendo cura di spazzolarla via con un pennello morbido dopo aver terminato il trucco degli occhi.

L’ombretto tende a rigarsi sulla palpebra?

Prima di applicare gli ombretti stendete sulla palpebra un velo di fondotinta e tamponatelo con della cipria, poi procedete con gli ombretti.

Si possono applicare gli ombretti inumidendo prima il pennello?

Si, poiché quasi tutte le polveri sono idrosolubili. Se ci provate, noterete che il trucco durerà più a lungo.

Gli ombretti perlati sono più difficili da usare di quelli opachi o viceversa?

No, anche perché oggi la cosmetica decorativa formula dei prodotti che garantiscono un’ ottima sfumatura ed aderenza.

Si possono usare le polveri per correggere o rinforzare le sopracciglia?

Quando decidete di utilizzare delle polveri per correggere le sopracciglia, controllate prima che la zona in questione sia perfettamente opacizzata con della cipria, valutando che il colore dell’ombretto non vari di tonalità.

Il trucco degli occhi che avete deciso di effettuare è decisamente scuro, ma la vostra preoccupazione è  di non sporcare l’area sottostante, e inoltre non volete applicare la cipria in eccesso per evitare che la zona si appesantisca troppo?

Effettuate il trucco degli occhi prima di iniziare qualsiasi fase del trucco, dopo di che eliminate l’accesso con uno struccante e quindi procedete con l’applicazione del correttore e del fondo.

E’ possibile effettuare delle zone di luce tra occhio e osso zigomatico con degli ombretti?

Si, a condizione che le polveri non siano eccessivamente perlate o eccessivamente secche, cosa che comprometterebbe la luminosità del viso.

OMBRETTO-600

Gli ombretti sono fra i prodotti indispensabili per il trucco degli occhi: essi danno colore, luminosità, intensità e tridimensionalità. Si possono usare in modo leggero per ottenere un effetto soft, o netto per un effetto drammatico; inoltre con essi si possono ideare trucchi più o meno sofisticati, oppure creare effetti luminosi e brillanti da abbinare con l’abbronzatura.

La formulazione classica degli ombretti è quella in polvere compatta. Hanno pigmenti incredibilmente micronizzati e caratteristiche di impalpabilità talmente raffinate da permettere una perfetta sfumatura e un’aderenza assoluta.

Gli ombretti , sia opachi che perlati, non devono mai mancare nel beauty-case. Ognuno di essi ha un suo preciso scopo: quelli “shining” danno più luminosità, a differenza di quelli “mat” che tendono a smorzare le superfici e i toni. Essi, se adoperati insieme alle matite, producono un effetto più intenso, oltre a fissarsi meglio sulla palpebra; se usati da soli creano un effetto più “morbido”.

Alla formulazione di base degli ombretti, si possono aggiungere delle perle o satinature che danno particolari effetti al trucco; il linea di massima si possono dividere  in perle dorate e perle argentate. Le prime hanno lo scopo di scaldare maggiormente il colore di base, mentre le altre a dare particolari toni freddi.

Tenendo conto delle due caratteristiche, risulta ovvio che tutti i colori  possono variare in considerazione delle diverse aggiunte di perle; il loro scopo è quello di permettere una maggiore combinazione di colori e di far risaltare alcuni toni dell’iride.

Infatti la pagliuzze dorate daranno la sensazione che gli occhi marroni chiari siano più chiari virandoli al nocciola, e così via.

Ogni gamma di colore scelto dovrebbe avere almeno due toni, comprendenti un colore chiaro per evidenziare e schiarire ed un colore più scuro per contornare e dare la dominante del tono.

I colori neutri (chiari) sono: crema , perla, avorio, rosa pallido,oro chiaro, e argento tenue. Tutti questi toni si accordano bene con la maggior parte dei colori di base, illuminando la superficie su cui vengono applicati.

I colori neutri (scuri) sono: nero, marrone scuro e grigio fumo; essi si combinano bene con la maggior parte dei colori base e con i neutri già citati.

Provate a eseguire dei trucchi solo con le polveri, usandone una chiara sull’arcata sopraccigliare e sulla palpebra mobile, e una più scura per contornare le linea dell’occhio; potrete applicare lo stesso colore chiaro anche lungo il contorno delle ciglia inferiori per dare maggiore luminosità. Successivamente prendete un pennello e applicate un tono scuro anche nella piega palpebrale e sfumate il tutto: vedrete che il risultato sarà un tocco estremamente trasparente e allo stesso tempo correttivo.

Gli ombretti, quando vengono stesi sulla palpebra, tendono sempre a far cadere quella minima quantità che può pregiudicare la pulizia della zona sottostante; a questo proposito sarà opportuno applicare un velo di cipria sotto l’occhio in modo da poter spazzolare successivamente l’eccesso di cipria e di pigmento che si sono depositati.

Se dovete usare dei toni molto scuri, truccate gli occhi prima della base, in modo da poter eliminare, con un batuffolo di cotone, l’eccesso che ha sporcato la parte inferiore dell’occhio; poi applicate il fondotinta regolarmente, e definite meglio gli occhi.

OSSERVAZIONI CONCLUSIVE

Ricordate che gli ombretti non vanno lavorati molto, anche perché si rischia di creare delle macchie difficili da eliminare.

Applicate il colore un poco per volta, sfumate e poi, se ritenete necessario intensificarlo, aggiungetene ancora.

Utilizzare troppo colore e sfumarlo poco sono gli errori più comuni: applicate un colore per volta e al massimo tre tonalità, sfumandole perfettamente onde evitare stacchi netti.

Terminata l’operazione degli ombretti, passate sulla palpebra un pennello pulito in modo da fissare il trucco e amalgamare meglio i colori.

Gli ombretti si prestano ad infinite possibilità d’applicazione. Essi infatti possono essere usati anche per colorare labbra, ottenendo dei colori estremamente opachi o perlati; oppure si possono miscelare con la pasta dei rossetti per ottenere nuove tonalità, o addirittura essere amalgamati con gli smalti per variare il tono da applicare sulle unghie.

Infine, vorrei ricordare ancora una volta che i colori chiari e perlati provocano un effetto sporgenza, mentre quelli opachi tendono ad appiattire le superfici su cui vengono applicati.

Come scegliere il colore giusto?

Non ci sono regole fisse nella scelta dei colori. E’ però opportuno tener conto che per gli occhi chiari è preferibile utilizzare dei toni  decisamente scuri, e per gli occhi scuri evitate i toni freddi.

Quando lo applicate, la polvere dell’ombretto tende a cadere nella parte inferiore dell’occhio, “sporcando” il fondotinta?

Prima di applicare l’ombretto, stendete un velo di cipria in polvere trasparente sotto gli occhi, avendo cura di spazzolarla via con un pennello morbido dopo aver terminato il trucco degli occhi.

L’ombretto tende a rigarsi sulla palpebra?

Prima di applicare gli ombretti stendete sulla palpebra un velo di fondotinta e tamponatelo con della cipria, poi procedete con gli ombretti.

Si possono applicare gli ombretti inumidendo prima il pennello?

Si, poiché quasi tutte le polveri sono idrosolubili. Se ci provate, noterete che il trucco durerà più a lungo.

Gli ombretti perlati sono più difficili da usare di quelli opachi o viceversa?

No, anche perché oggi la cosmetica decorativa formula dei prodotti che garantiscono un’ ottima sfumatura ed aderenza.

Si possono usare le polveri per correggere o rinforzare le sopracciglia?

Quando decidete di utilizzare delle polveri per correggere le sopracciglia, controllate prima che la zona in questione sia perfettamente opacizzata con della cipria, valutando che il colore dell’ombretto non vari di tonalità.

Il trucco degli occhi che avete deciso di effettuare è decisamente scuro, ma la vostra preoccupazione è  di non sporcare l’area sottostante, e inoltre non volete applicare la cipria in eccesso per evitare che la zona si appesantisca troppo?

Effettuate il trucco degli occhi prima di iniziare qualsiasi fase del trucco, dopo di che eliminate l’accesso con uno struccante e quindi procedete con l’applicazione del correttore e del fondo.

E’ possibile effettuare delle zone di luce tra occhio e osso zigomatico con degli ombretti?

Si, a condizione che le polveri non siano eccessivamente perlate o eccessivamente secche, cosa che comprometterebbe la luminosità del viso.

ALTRI ARTICOLI
LE VETRINE FRAIS MONDE: PARAFARMACIA IL FAGGETO
11.12.2016
Condividere con noi la tua bellezza e benessere della pelle è sempre piu’ semplice. Puoi trovarci presso: PARAFARMACIA IL FAGGETO VIA RUGGERO TAMBRONI N 26 44124 FERRARA...
Voglia di estate....voglia di Frais Monde
31.07.2018
Al mare o in montagna proteggi la tua pelle in maniera Naturale con i solari all'olio di oliva di Frais Monde. Per te una linea completa che ti garantirà una abbronzatura perfetta e...
IL VISO TRIANGOLARE PUNTA VERSO L'ALTO
30.01.2018
CARATTERISTICHE In questo caso, ci troviamo di fronte a delle caratteristiche diametralmente opposte a quelle descritte precedentemente per il viso triangolare con la punta verso il basso. Determinanti sono le mascelle, che sono quadrate, mentre la fronte è poco spaziosa. Sicuramente...